800 92 61 62

fumigazione antitarlo

Fumigazione antitarlo: funziona veramente?

La fumigazione antitarlo funziona veramente? Questa è una domanda che le persone ci pongono di frequente quando ci contattano al numero verde  800.92.61.62. Tuttavia, la maggior parte di esse esprime delusione per non aver risolto l’infestazione, nonostante abbia effettuato più volte questo trattamento.

In questo articolo, per chiarire tale quesito, esamineremo in dettaglio la fumigazione e l’uso dei fumogeni per combattere i tarli del legno.

Fumiganti antitarlo: cosa sono e come funzionano

In sostanza, è un trattamento che impiega composti altamente tossici (come i derivati dei piretroidi) per eliminare gli agenti infestanti. Le sostanze contenute al suo interno sono note per la loro forte tossicità, al punto da necessitare l’evacuazione delle persone dagli spazi in cui verrà effettuata la fumigazione.

Il processo crea una nube letale che ha lo scopo di sterminare qualsiasi forma di vita nell’area trattata.

Ecco gli 8 passaggi chiave per eseguire la fumigazione:

  1. Apri tutti i mobili, i cassetti e gli armadi per permettere al fumo di diffondersi ovunque.
  2. Sigilla porte e finestre per trasformare l’area in una sorta di “camera a gas”, ottimizzando l’effetto del fumogeno.
  3. Posiziona il fumogeno nel punto più centrale possibile dell’ambiente, su una base solida, come ad esempio il pavimento.
  4. Evita di collocare il fumogeno su superfici che potrebbero incendiarsi o deformarsi a causa del calore generato dalla reazione.
  5. Inizia il processo di fumigazione seguendo attentamente le istruzioni riportate sulla confezione del prodotto.
  6. Aspetta alcune ore prima di rientrare nell’ambiente trattato.
  7. Apri porte e finestre per far arieggiare l’ambiente e disperdere i residui di fumo rimasti.
  8. Effettua una pulizia profonda per eliminare ogni traccia di insetticida.

Si possono eliminare i tarli del legno con la fumigazione fai da te?

Contrariamente a quanto alcuni possano pensare, la fumigazione non rappresenta una soluzione valida per sconfiggere i tarli. Questi parassiti, infatti, infestano il materiale nella loro fase larvale, periodo durante il quale si rifugiano all’interno del legno, scavando gallerie. La difficoltà maggiore sta nel fatto che la sostanza tossica utilizzata non è in grado di penetrare a fondo nel legno per raggiungere le larve nascoste.

In secondo luogo, gli insetticidi impiegati non sortiscono alcun effetto sulle uova dei tarli, le quali restano ben protette dal loro guscio esterno robusto (corion), impedendo quindi un’eliminazione completa dell’infestazione.

Inoltre, l’uso di fumogeni antitarlo obbliga le persone che vivono in casa a lasciare il proprio ambiente, talvolta anche per diversi giorni, causando notevoli disagi. Immagina la complicazione di dover cercare un alloggio alternativo e l’inconveniente di non poter accedere alla tua abitazione. In più, la nube tossica prodotta dal trattamento fumigante contamina ogni angolo della casa; pertanto, occorrerà una pulizia approfondita per evitare rischi di intossicazione.

Ecco, quindi, i 5 motivi principali per cui la fumigazione si rivela inefficace:

1)Non è in grado di colpire i tarli nascosti nelle profondità del legno.

2)Non elimina le uova dei tarli.

3)Ha un elevato rischio di tossicità per persone e animali domestici presenti nell’ambiente.

4)Ti costringe a evacuare l’abitazione, a volte per periodi prolungati (proprio perché è un trattamento nocivo).

5)Ti obbliga a eseguire una pulizia minuziosa delle aree trattate.

Se anche casa tua è stata presa d’assalto dai tarli…

… contatta subito Gli Specialisti dei Tarli: chiamaci adesso al numero verde 800926162 oppure richiedi un sopralluogo gratuito cliccando qui in basso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guide gratuite

trattamento antitarlo roma

HAI I TARLI CHE
TI TORMENTANO?

Clicca sul bottone qui sotto e scarica GRATIS la nostra GUIDA GRATUITA specifica per i tarli e scopri come eliminare in modo efficace il problema.

Ultimi articoli pubblicati
visti in TV
i nostri canali social