800 92 61 62

tarli del legno

Tarli del legno: Il metodo sicuro e infallibile per riconoscerli ed eliminarli

Questo articolo è una guida indispensabile per chi vuole scoprire come rimuovere i tarli del legno dai mobili o dalle strutture lignee della propria abitazione.

Il legno, un materiale di costruzione classico e sempre più in voga tra costruttori e architetti, è spesso scelto per le sue qualità estetiche e strutturali, specialmente per le travi.  Tuttavia, questo materiale può essere vulnerabile agli attacchi di tarli e termiti, i quali possono causare seri danni alla struttura di un’abitazione.

Vediamo, quindi, le diverse specie di tarlo del legno esistenti e le loro caratteristiche distintive.

Quante tipologie di tarli del legno esistono?

I tarli che invadono l’ambiente domestico sono principalmente tre:

  • Anobidi
  • Lictidi
  • Cerambicidi

tarlo del legno

1. Tarli anobidi

larva del legno

Sono insetti di piccole dimensioni (2-3 mm), che causano fori minuscoli. Questi tarli compromettono non solo la struttura ma anche l’estetica dei mobili e delle travi. Hanno un ciclo di sviluppo veloce e si diffondono facilmente su altri elementi in legno nelle vicinanze. 

L’Anobium può essere nocivo non solo per mobili e strutture lignee, ma anche per gli esseri umani, a causa dei parassiti che possono mordere e provocare reazioni allergiche.

2. Tarli lictidi

tarme da legno

 

 

 

 

I lictidi sono tarli allungati di dimensioni estremamente ridotte. Nonostante la loro piccola stazza, possono causare danni gravi, riducendo il legno interno in polvere e lasciando intatta solo la superficie esterna, che diventa fragile e si rompe facilmente. 

Possono essere avversari difficili da sconfiggere in travi, cornici e altri elementi in legno.

 3. Tarli cerambicidi

tarlo dei mobili

 

 

 

 

 

I cerambicidi sono tarli di dimensioni maggiori, che possono raggiungere i 15/20 mm; essi scavano gallerie profonde, emettendo rumori fastidiosi. Spesso il loro “gracidare” è un indicatore della loro presenza. 

Sono considerati i più pericolosi perché è difficile rilevare la loro infestazione, e il loro ciclo vitale può estendersi fino a 17 anni.

Come riconoscere e sconfiggere i tarli del legno

Anche se non sei un esperto nel campo della disinfestazione dei tarli, ci sono alcuni segnali chiave che puoi monitorare per determinare se i tuoi mobili o il tuo pavimento in legno sono stati attaccati da questi parassiti.

Noi, specialisti dei tarli, abbiamo individuato 5 elementi chiave per identificare la loro presenza e mettere in atto tutte le azioni necessarie per eliminarli.

1. Come capire se in casa ci sono i tarli del legno?

Durante la loro fase larvale, i tarli scavano gallerie nel legno. Notiamo la loro presenza attraverso fori visibili sulla superficie del legno e grazie alla segatura accumulata sul pavimento. Questi sono fori di uscita da cui emergono i tarli adulti. Il legno intorno ai fori rimane solido.

“Vedo segatura sul pavimento…è forse dovuta al tarlo del legno?”

Esatto! Questa è una delle evidenze che questi insetti lasciano e spesso l’unico indizio che consente anche a una persona inesperta di riconoscere un’infestazione di tarli. 

La larva del tarlo (l’unica fase in cui consuma il legno) si nutre della cellulosa, la parte più pregiata del legno, scartando il resto. Questo materiale di scarto è proprio la segatura che trovi sul pavimento!

2. L’aspetto estetico dell’insetto

I tarli sono coleotteri, quindi piccoli e allungati, di un colore marrone chiaro. Possiedono ali e sono capaci di volare

Tuttavia, le ali sono ripiegate sotto degli scudi dorsali duri, chiamati elitre, che le rendono invisibili a riposo.

 3. I suoni che emettono

Un altro metodo per identificare i tarli è ascoltare i loro suoni. Alcune specie, come i cerambicidi (tarli di grandi dimensioni), emettono suoni caratteristici quando le larve mangiano il legno. 

Il rumore dei tarli di notte è simile a un rosicchiamento ritmico, chiaramente udibile quando c’è meno caos nell’ambiente. Questo rumore è tipico di tarli più grandi come lo xestobium rufovillosum, detto “orologio della morte” per i suoni che produce.

4. La presenza di rosura

I tarli generano la tipica segatura che si trova sotto il legno infestato.

Questa segatura, nota anche come rosura, è costituita da minuscole feci marroni, finissime e quasi impercettibili al tatto.

5. Tarme del legno: Movimenti e diffusione

Di solito, i tarli emergono direttamente dai mobili infestati e cercano partner per riprodursi

In un ambiente colpito, si possono vedere singoli tarli adulti volare, ma mai in gruppi o sciami. Infine, devi sapere che i tarli non formano percorsi terrosi.

“Ho notato dei fori nel legno, cosa dovrei pensare?”

È un altro segnale di una possibile infestazione di tarli.

Questi insetti consumano la cellulosa all’interno del legno e, come detto, scavano gallerie. 

Ricordi la storia del bruco che diventa farfalla? Beh, il tarlo del legno, da un punto di vista biologico, è come una farfalla (in gergo tecnico vengono definiti insetti endopterigoti).

In pratica, da un uovo nasce una larva che, completato il suo ciclo vitale, cambia completamente aspetto fino a diventare una farfalla.

I fori che vedi sono i “fori di uscita” attraverso i quali il tarlo lascia il legno.

È importante sottolineare che, dei tre stadi di sviluppo del tarlo (uovo, larva, adulto), solo la larva si nutre di legno, mentre il tarlo adulto si dedica alla deposizione delle uova che diventeranno larve e così via.

Se casa tua è invasa dai tarli del legno, contattaci allo 800.92.61.62

Vuoi eliminare il tarlo del legno? Ecco 7 errori da evitare

Ora presta molta attenzione perché sto per elencarti 7 metodi di disinfestazione dei tarli comunemente utilizzati, ma che sono del tutto inefficaci (ti farebbero sprecare tempo e denaro). Ecco perché è meglio evitarli.

 1 ERRORE: Applicare un trattamento antitarlo liquido con un pennello

Perché un trattamento antitarlo liquido è un errore? Beh, perché il legno è un materiale che tende a respingere i liquidi a causa della sua natura idrofoba.

 2 ERRORE: Iniettare un insetticida nei “fori di sfarfallamento”

I fori visibili nel legno sono punti di uscita per i tarli, il che significa che l’insetto non è più presente in quel punto. 

Quindi, iniettare insetticida in questi fori è inutile, poiché si basa più su convinzioni popolari che su prove scientifiche.

3 ERRORE: Usare bombolette fumiganti antitarlo nella stanza infestata

Queste bombolette non agiscono direttamente sui tarli del legno, in quanto sono insetticidi generici che non penetrano il materiale, dove il tarlo effettivamente vive. L’unico risultato che otterrai è contaminare l’aria della tua casa.

4 ERRORE: Iniettare liquidi sotto pressione nel legno

Il legno contiene vasi che, una volta che la pianta è stata tagliata, si bloccano, impedendo la risalita dei liquidi. Dunque, se inietti una sostanza liquida, soprattutto sotto pressione, il legno la espellerà.

 5 ERRORE: Sigillare i mobili infestati in una busta con all’interno un prodotto chimico

Il metodo più efficace e usato per disinfestare i mobili è il trattamento in atmosfera modificata, che richiede condizioni speciali come un ambiente a temperatura controllata, sottovuoto, e privo di ossigeno. 

Tuttavia, mettere i mobili in un sacco non assicura il rispetto di queste condizioni essenziali per eliminare gli insetti in tutti i loro stadi vitali.

 6 ERRORE: Immergere il legno infestato nel petrolio

Non esiste alcuna spiegazione logica o scientifica che giustifichi l’uso del petrolio in questo contesto.

7 ERRORE: Tagliare il legno nelle aree dove si sospetta la presenza di tarli

Il tarlo si nasconde all’interno del legno e non è possibile determinare con certezza dove si trovi esattamente. Inoltre, è fondamentale considerare la presenza di uova, che sono invisibili e potrebbero schiudersi in seguito.

Se la tua casa è infestata dai tarli del legno contattaci allo 800.92.61.62

Trattamenti tarli del legno: ecco le strategie per annientarli

Preparati a scoprire come dire addio per sempre ai tarli. Se stai leggendo questo articolo, significa che hai già esplorato i metodi tradizionali, forse anche i rimedi della nonna contro i tarli, e ora sei pronto per una soluzione radicale e duratura.

Ti invitiamo a guardare anche il nostro video specifico sull’argomento.

Come debellare i tarli del legno che infestano i mobili (o altri oggetti che si possono spostare)?

La soluzione più efficace è l’uso di un pallone in PVC installabile direttamente a casa. Il procedimento è il seguente:

  • Si inseriscono i mobili infestati dai tarli nel pallone in PVC

vermi del legno

  • Si aspira l’aria creando un vuoto con una pompa

  • Si riempie il pallone di anidride carbonica fino a saturazione

  • Si tiene il tutto a temperatura controllata per 18 giorni

  • Il problema è risolto! L’ambiente privo di ossigeno all’interno del pallone rende impossibile la sopravvivenza di qualsiasi forma di vita. Questo sistema elimina gli insetti in ogni stadio di sviluppo: uovo, larva, adulto.

Come debellare i tarli del legno presenti nelle travi e nel parquet (e in altri oggetti fissi)?

Micronwood è il nostro sistema rivoluzionario a microonde per sterminare i tarli nel legno di travi e tetti

Installiamo un dispositivo avanzato sulle travi da trattare, che riscalda il legno tramite microonde. È attualmente il metodo più avanzato ed efficace disponibile. Ecco come funziona.

1)Si posiziona un treppiede con antenna sul legno da trattare

come uccidere i tarli del legno

2)Si collega un telecomando con sensori di sicurezza

3)Si attiva il sistema per iniziare a riscaldare la trave

4)Si controlla il raggiungimento di 75° gradi con un termometro laser

Il legno si lascia attraversare dalle microonde e resiste a temperature fino a circa 200°C, quindi non ci sono rischi associati a questo metodo.

Tarli che invadono l’ambiente domestico: come sconfiggerli?

Guarda questo video e scopri come funziona Micronwood.

Questo metodo è completamente ecologico, non produce residui, non sporca e non disturba chi abita in casa.

Le due tecniche descritte rappresentano il meglio che la tecnologia attuale possa offrire nel settore della disinfestazione. Questi metodi sono totalmente ecologici, applicabili direttamente a casa tua, e non interagiscono in alcun modo con le persone o con gli animali domestici.

La loro efficacia è stata confermata da numerose ricerche condotte da istituti scientifici, università, e attraverso migliaia di interventi sul campoQuindi, non c’è bisogno di continuare a preoccuparti del problema dei tarli: esistono professionisti che possono risolverlo per te.

Affidati ai veri specialisti dei tarli ed elimina per sempre questi fastidiosi insetti dal tuo “nido”: chiamaci allo 800.92.61.62 e scopri quali sono i professionisti più vicini                       a te che usano questi protocolli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guide gratuite

HAI I TARLI CHE
TI TORMENTANO?

Clicca sul bottone qui sotto e scarica GRATIS la nostra GUIDA GRATUITA specifica per i tarli e scopri come eliminare in modo efficace il problema.

Ultimi articoli pubblicati
visti in TV
i nostri canali social